mercoledì 14 dicembre 2011

Spirited away - 千と千尋の神隠し

Il film capolavoro del regista di animazione giapponese più osannato e celebre degli ultimi anni, Hayao Miyazaki, insignito del premio Oscar 2003 come miglior film d'animazione e dell'Orso d'Oro nel 2002. La casa di produzione giapponese, l'ormai conosciuto Studio Ghibli, ha sfornato un film eccellente, delizia per gli occhi e per il cuore, dove ancora una volta il ruolo femminile spicca come archetipo di dolcezza, forza e determinazione. Motore primo è sempre l'amore, che nell'ingenuità di una fanciulla rischiara un mondo tetro e fumoso.

Titolo Originale千と千尋の神隠し - Sen to Chihiro no KamikakushiLa misteriosa scomparsa di Sen e Chihiro
Titolo italiano : La città incantata
Genere : Animazione
Anno : 2001
Paese : Giappone
Regista : Hayao Miyazaki
Sceneggiatura : Hayao Miyazaki
Cast : /
Colonna sonora : Joe Hisaishi, Youmi Kimura 
Distribuzione in Giappone :  Toho
Distribuzione internazionale : Walt Disney Pictures
Distribuzione italiana : Universal Pictures
Locandina
Trailer :
 
Trama : Durante il trasloco verso la sua nuova dimora, la piccola Chihiro si imbatte coi suoi genitori in una stradina nascosta nel bosco, alla fine della quale si trova quella che sembra la misteriosa entrara di un vecchio Lunapark abbandonato. Entrati, si ritrovano ben presto in un luogo idilliaco con miriadi di luminosi edifici e ristoranti che offrono cibo gratuito. Chihio sente puzza d'imbroglio, ma i genitori si ingozzano comunque e vengono maledetti per aver mangiato il cibo, tramutandosi in maiali. Inizia così l'Odissea della piccola Chihio, che nel tentativo di strappare i propri genitori dalla maledizione verrà vincolata a lavorare nelle terme degli spiriti dalla malefica strega Yubaba, conoscerà spiriti ed esserini di ogni sorta e troverà l'amore in un misterioso ragazzo di nome Haku.
Voto da 1 a 10 : MoonlightHaze - 10
Recensione di MoonlightHaze :
Non ho parole per descrivere un simile capolavoro. Posso solo dire che mentre compilavo la recensione e rileggevo la trama mi è venuta la pelle d'oca più e più volte. Il film è assolutamente perfetto sotto ogni punto di vista : animazione e fondali impeccabili, dai colori sgargianti che credo abbiano esaurito la tavolozza di Madre Natura ( la scena di Chihio che corre fra gli oleandri in fiore è qualcosa di meraviglioso ) , colonna sonora perfetta in ogni situazione, trama e personaggi da favola. Insomma è un portentoso haiku visivo, dalla potenza semantica e simbolica travolgenti. L'intreccio tipicamente nipponico di spiriti buoni e malvagi, influenze magiche e potenza dell'essere invaso dal dolce potere dell'amore e della fedeltà permea ogni singolo millimetro della pellicola. Miyazaki d'altro canto ci ha abituato a pellicole d'alto profilo, dove il personaggio femminile, depositario dell'amore più viscerale e della forza per così dire materna dello spirito, troneggia su tutto ciò che può impedire il buon esito dei suoi desideri, sempre puri e giusti, rivolti prima verso gli altri e poi verso se stessi ( due pellicole per tutte : Nausicaa della Valle del Vento -風の谷のナウシカ, Kaze no tani no Naushika, e Principessa Mononoke- もののけ姫, Mononoke Hime  ) . Il film ha una impressionante potenza visiva, cui si accompagna una sceneggiatura che non lascia nulla al caso e ricama dettagli su dettagli senza mai scadere nel pacchiano, con un'equilibrio e un'eleganza che sono propri solo del Giappone. I personaggi devono svolgere un percorso di formazione individuale per raggiungere la verità su se stessi e il compimento ultimo dei loro scopi, assumendo su di sè il dolore e le difficoltà di altri esseri. Chihio è qui il catalizzatore delle forze che gravitano attorno al mondo incredibile delle terme degli Spiriti, luogo divertente ed inquietante allo stesso tempo : l'abilità di Miyazaki sta sempre nel riuscire a coniugare magistralmente l'innocente e il brillante con il malvagio, il terrificante e l'oscuro, risolvendo sempre tutto nella luce e nel calore del puro amore. Chiunque fosse talmente superficiale da liquidare un simile prodotto come "cartone animato giapponese" o "film per bambini", farebbe bene a temere di essere trasfomato in maiale! ;)                                                                                                                                                                                

2 commenti:

  1. Anche questo film è già nella lista dei film da vedere da un pezzo, ho visto il trailer su coming soon e me ne sono innamorata! Dev'essere veramente un capolavoro! Poi, Hayao è Hayao, insomma, non ce n'è!! :)

    RispondiElimina